www.noplace.space

49º Premio Suzzara NoPlace.Space

Idea

NoPlace 3 al 49º Premio Suzzara
Siamo abituati a pensare a una mostra d'arte come ad un progetto chiuso e definito, dove un soggetto (il curatore o promotore) si assume il compito di scegliere a priori uno o più artisti, di individuare un tema e di creare, così, un organismo fatto e finito, pronto ad essere esibito, con una discreta sicurezza sul risultato, al pubblico. Quando, però, si esce dalle piste tracciate e ci si spinge sul terreno delle sperimentazioni culturali, i risultati possono essere sorprendenti: è l'esperienza di NoPlace.Space, una mostra-incontro, un evento sociale più che espositivo che capovolge le consuete modalità organizzative. 


L'obiettivo non è la sintesi, ma l'espansione: basandosi sulla metafora del rizoma, ogni partecipante è al tempo stesso artista e curatore e, pertanto, chiamato a sua volta a coinvolgere e coordinare altri partecipanti a propria discrezione, attivando relazioni (e connessioni) a catena che sfuggono alla presunzione del controllo centrale. 

Così, sabato 17 settembre gli spazi espositivi della città di Suzzara saranno al centro di questo innovativo esperimento, che ha tra i suoi obiettivi, anche, la riscoperta di questo longevo premio.
 L'idea di NoPlace
NoPlace è un esperimento sociale, una mostra/incontro della durata di un giorno.
La struttura organizzativa dell'evento si basa sulla metafora del rizoma: non esiste una singola curatela che segue un'unica direzione lineare, ma più punti d'origine che avviano connessioni in qualsiasi direzione. 
La struttura a rizoma consente connessioni da un punto qualsiasi con un altro punto qualsiasi, e ognuno di questi non rimanda necessariamente a punti simili.
Il rizoma destabilizza la struttura gerarchica ad albero con connessioni prestabilite e mette in relazione punti molto differenti tra loro e imprevedibili.

All'origine del rizoma c'è l'idea di Umberto Cavenago, sviluppata con Ermanno Cristini, che si consolida con la partecipazione di Ilaria Caldirola e Roberto Pacchioli e numerosi altri artisti-curatori che hanno condiviso e collaborato al progetto.

La prima edizione "NoPlace - Un giorno prima del contemporaneo" ha avuto luogo il 9 ottobre del 2015 in uno spazio industriale della ex Pirelli di Monza con la partecipazione di un centinaio di artisti.
La seconda tappa, del 12 marzo 2016, ha interessato il castello di Fombio in provincia di Lodi dove più di trecento artisti hanno invaso le sale del castello con opere luminose, video, installazioni e performance. Dalle prime ore del mattino a dopo il tramonto si sono installate e disinstallate opere e presenze poetiche più diverse dando vita a un organismo che si è autoregolato per l’intera giornata senza una regia ma attraverso relazioni fiduciarie tra le parti.
Per la terza tappa, NoPlace sarà protagonista del 49º Premio Suzzara, il 17 settembre gli artisti dei vari rizomi occuperanno il museo Galleria del Premio Suzzara e diversi luoghi della città.
 Il meccanismo e le sue regole

Il rizoma è organizzato in quattro livelli: l'autore che crea l'origine ha facoltà di invitare un massimo di quattro autori. Questi costituiscono un secondo livello del rizoma e possono a loro volta invitare fino a tre autori (terzo livello). Gli autori del terzo livello del rizoma potranno infine coinvolgere fino a due autori ciascuno (quarto livello), chiudendo così la linea generativa.

L'attivazione del rizoma segue una rigida regola che consentirà di rendere trasparente e leggibile la dinamica delle presenze all'evento.
Ogni autore che origina presenze si assume la responsabilità del livello successivo e non influenza in alcun modo le scelte degli autori da lui invitati.
(…). Rispetto ai sistemi centrici (anche policentrici), a comunicazione gerarchica e collegamenti prestabiliti, il rizoma è un sistema acentrico, non gerarchico e non significante. 
(Gilles Deleuze e Félix Guattari, Mille piani. Capitalismo e schizofrenia (1980))
 

A chi rivolgersi
Per qualsiasi dubbio ogni artista partecipante dovrà prendere contatto con chi l'ha invitato.
Nella sezione RIZOMI sono disponibili le relative email.
Per la Galleria del Premio Suzzara:

Marco Panizza, conservatore della Galleria del Premio Suzzara
Aisha Braghiroli, segreteria

Daniela Sessi, segreteria
Tel. +39 0376 513513

marco.panizza@comune.suzzara.mn.it www.premiosuzzara.it
Per il Comune di Suzzara:

Virginia Ferrari, responsabile Area Servizi Culturali
Tel. +39 0376 51 34 06

virginia.ferrari@comune.suzzara.mn.it  Comune di Suzzara
Raffaella Zaldini, Assessore con deleghe alla Cultura, Scuola, Valorizzazione del territorio, Politiche giovanili
raffaella.zaldini@comune.suzzara.mn.it
Galleria del Premio Suzzara - Via Don Bosco 2/a, 46029 Suzzara (MN) - Tel. +39 0376 51 35 13
Segnalati da Pokémon GO come PokeStop: "Biblioteca Citta Di Suzzara"